Fatturazione Elettronica

+1 voto
3,169 visite

Come trattare le fatture cartacee non ancora liquidate?

Le fatture cartacee accettate dalla pa e ancora non liquidate per pignoramento in atto come vanno trattate?
quesito posto 10 Marzo 2015 in Fatturazione Elettronica da Valentina

2 Risposte

+1 voto
A mio avviso, vanno comunque registrate e conservate e poi sulla liquidazione (che è fase successiva) deciderà il giudice.
risposta inviata 10 Marzo 2015 da D&L Department Lisi (6,450 punti)
+1 voto

Il divieto di pagamento delle fatture cartacee emesse (ex art.21 DPR 633/1972) prima del 31 marzo 2015 è assoluto trascorsi 3 mesi dalla data di decorrenza dell'obbligo e quindi le PA non potranno procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino all'invio delle fatture elettroniche (art. 6 DM 55/2013). Si ricorda che per quanto concerne la data di emissione della fattura, la Circolare n.134 del 5/8/1994 indica che "…non assume rilievo il momento della compilazione della fattura ove a questa non segua la consegna o la spedizione alla controparte. Peraltro, dovendo necessariamente la data di emissione essere indicata nel documento, soprattutto ai fini dell’esatta imputazione al periodo di riferimento, si precisa che, per data di emissione deve intendersi la data indicata nella fattura, ritenendola coincidente, in assenza di altra specifica indicazione, con la data di consegna o con quella di spedizione.

Tale divieto assoluto è parzialmente limitato nel caso di fatture cartacee emesse prima della decorrenza dell’obbligo e non ancora pagate alla scadenza dei successivi 3 mesi. Il Ministero delle economia ha chiarito che l’Amministrazione è tenuta a portare a termine il procedimento con il relativo pagamento, e tale posizione è in linea con quanto contenuto nella Circolare 1/2014 che ribadisce che non consentire la conclusione del procedimento avviato correttamente in forma cartacea “costituirebbe un inutile aggravio del procedimento in aperta violazione del principio di cui all'art.1, co.2, della Legge n.241 del 7/8/1990”.

Per fare un esempio pratico: fattura cartacea emessa il 10 marzo 2015 nei confronti di un PA (il cui obbligo di ricezione di FE decorre da 31/3/15) e non ancora pagata alla data del 30/06/2015.

risposta inviata 13 Maggio 2015 da Daniele Tumietto (14,550 punti)