Fatturazione Elettronica

0 voti
431 visite

RID E SPLIT PALYMENT

Buongiorno,

Nel mese di dicembre 2015 Il nostro comune ha pagato una bolletta con RID per cui la ns tesoreria ha emesso provvisorio in uscita da regolarizzarsi. Il problema è che l'accredito è avvenuto al lordo dell'iva per cui al fornitore è stata pagata anche l'iva oltre l'imponibile. Come posso procedere considerando che con la regolarizzazione bancaria devo comunque, a esercizio chiuso, emettere mandati  a totale copertura della cifra e indirizzati al gestore che ha già incassato.
quesito posto 2 Febbraio 2016 in Fatturazione Elettronica da ROMAGNANOSESIA (260 punti)

2 Risposte

0 voti
Con il meccanismo del cosiddetto Split Payment la PA, invece di pagare l’Iva al soggetto cedente/prestatore, la deve versare direttamente all’Erario, agendo di fatto come se fosse un sostituto di imposta in materia di Iva.

Nel caso in esame ritengo che la PA ha corrisposto l’IVA al prestatore/fornitore che dovrebbe averla conteggiata come debito nella propria liquidazione periodica, pertanto non occorre effettuare alcuna variazione, dato che l’imposta si considera comunque assolta, anche se irregolarmente, quindi per chiudere la posizione emetterei i mandati a totale copertura della cifra indirizzati al gestore che ha già incassato.

Mentre si fosse verificato il caso in cui la PA non avesse ancora pagato, il prestatore/fornitore avrebbe potuto eseguire una variazione in diminuzione, emettendo poi una fattura con Split Payment.
risposta inviata 5 Aprile 2016 da Daniele Tumietto (14,550 punti)
0 voti
Assolutamente no, seppure il mandato è stato emesso per il totale dell'importo, la fattura relativa andrà registrata con lo split, si verserà l'iva corrispondente e  bisognerà chiedere a rimborso l'IVA al fornitore al quale la si è corrisposta indebitamente.
risposta inviata 15 Aprile 2016 da silvia.dg (190 punti)